Giornalisti americani a S. Maria: "il sogno della Grande Israele" nei Murales

Arriva da Washington, New York, Los Angeles e dall’Università di Yale il gruppo di giornalisti e studiosi che, nella mattinata del 27 ottobre, accompagnati dal professor Fabrizio Lelli, associato di lingua e cultura ebraica presso l’Università del Salento e dalla professoressa Marcella Simoni, docente di storia dell’ebraismo all’università Ca’ Foscari di Venezia, hanno visitato il Museo della Memoria e dell’Accoglienza di Santa Maria al Bagno. I quattro giornalisti, accolti al Museo dal vicesindaco Carlo Falangone, sono stati selezionati dalla Primo Levi Foundation di New York che, col patrocinio delle Regioni Marche e Puglia nonché dell’Enit (Agenzia nazionale del turismo), ha finanziato il tour nei luoghi dell’ebraismo pugliese e marchigiano.   Scrivono per il Jewish Journal of greater Los Angels, l’Hadassah Magazine, il Tablet Magazine e una di loro è freelance e consulente d’arte per vari musei di Washington: dopo l’esperienza in Italia, trarranno articoli ed approfondimenti per le rispettive testate. Nonostante la loro grande esperienza, sono stati profondamente colpiti dalla visita al Museo e dalla storia che esso custodisce. Armati di taccuino e penna, hanno preso appunti, ascoltato con interesse l’intervento del professor Lelli e le delucidazioni del personale del museo e soprattutto rivolto molte domande. A rispondere c’era anche Vittorio Perrone, definito nell’occasione dal professor Lelli “living memory” che, accanto alle testimonianze fotografiche e a quelle pittoriche dei murales realizzati dal profugo ebreo rumeno Zvi Miller, ha entusiasmato gli ospiti stranieri con il racconto  del suo quotidiano contatto, tra il 1943 ed il 1947, con i profughi ebrei sopravvissuti alla Shoah. La testimonianza di Vittorio è stata preziosa perché ha fornito agli americani informazioni inedite, a volte curiosi aneddoti, sulla vita reale nel campo profughi di Santa Maria al Bagno e la storia della sua straordinaria e pluridecennale amicizia con il profugo ebreo di Sarajevo Jakob Ehrlich. La visita è proseguita poi con una passeggiata nella zona delle Cenate su cui affacciano i luoghi della memoria: da villa Del Prete sede dell’Hospital camp, a villa Personé sede della municipalità ebraica, fino a villa vescovile sede d’incontri politici. A colpire i giornalisti, del resto, è stata proprio la scoperta della vita quotidiana nel campo, attraverso i luoghi e le testimonianze, oltre all’imponenza dei murales, che essi stessi hanno definito “il sogno della Grande Israele” dipinto per mano di Miller.

Clicca qui per visualizzare la galleria fotografica

(articolo tratto dal sito del Comune di Nardò)

Joomla3 Appliance - Powered by TurnKey Linux